Il nostro amato Quinto arrondissement!

Non chiamatelo solo Quartiere Latino!

A due passi da Notre Dame ecco spuntare un quartiere giovane, vivace, dove la scelta gastronomica spazia da ogni etnia, facoltà universitarie e un interminabile via vai di ragazzi che si riversano nelle stradine ventiquattro ore su ventiquattro.

Questa pittoresca zona di Parigi non è vero e proprio “quartiere” nel senso amministrativo del termine, e si trova esattamente tra il quinto e il sesto arrondissement. Si chiama Quartiere Latino perché in passato gli accademici che lo frequentavano parlavano solo il latino.

Resta di fatto un quartiere universitario; proprio qui infatti si trova la più prestigiosa università di Francia, la Sorbonne.

La riforma haussmanniana ha toccato solo marginalmente il quartiere che ne ha conservato l’aspetto urbanistico di un tempo caratterizzato da piazzette e piccole viuzze. Alcune di queste sono lastricate con dei ciottoli, altre così stette da permettere il passaggio solo se si cammina in fila indiana, come Rue Du Chat Qui Pêche.

Passeggiando oggi tra queste piccole vie si entra nella parte più intima e personale di tutta la città, dove si riesce ancora a respirare quell’aria autentica che si ritrova poi nelle tante attività commerciali che la abitano. Quando passate da queste parte vi consiglio di soffermarvi su alcune “attrazioni” che vale la pena vedere

SORBONNE

Considerata una delle università più prestigiose del mondo, fu fondata nel lontano 1253 dal Teologo Robert De Sorbon, confessore e cappellano di San Luigi, dove veniva insegnata teologia agli studenti più poveri. Dal momento della sua nascita è stata subito centro di una vita intellettuale effervescente. Tra i suoi alunni si ricordano Sartre, Lévi Strauss, Bergson e i premi Nobel per la fisica Marie e Pierre Curie.

La rivoluzione del Sessantotto ebbe inizio proprio da qui. L’università comprende anche la Chapelle de la Sorbonne dove vi è sepolto il Cardinale Richelieu.

IL PHANTEON

Primo vero grande monumento di tutta Parigi. La sua costruzione risale infatti a prima dell’Arco di Trionfo o della Tour Eiffel. Realizzato tra il 1764 e il 1790 fu anche il primo luogo da cui si poteva osservare Parigi dall’alto. Nel corso della sua lunga storia ricoprì diverse funzioni. Venne infatti usato sia come luogo di culto che come ritrovo politico. Nella sua cripta riposano Voltaire, Hugo, Curie, Dumas e Rousseau.

JARDIN DES PLANTES

Benvenuti nel più grande orto botanico di Parigi e di tutta la Francia. Questa straordinaria macchia verde comprende anche il Museo di Storia Naturale della città e prende il nome dal giardino reale delle piante medicinali fondato nel 1626. Con il passare del tempo ha subito molte trasformazioni fino ad arrivare ad oggi dove si possono ammirare piante e fiori provenienti da ogni parte del mondo. Il grande giardino comprende anche lo zoo che attira tutti gli anni migliaia di visitatori tra grandi e piccini.

JARDIN DU LUXEMBOURG

Forse uno dei giardini più belli di tutta Parigi. Voluto e fatto realizzare da Maria de Medici nel 1612, ricopre la superficie vastissima di 224.500 metri quadrati. Non mancano oltre alle piante e i fiori anche numerosi monumenti come la fontana dei Medici.

Molto caratteristico lo stagno dove vengono effettuate delle regate di miniature di barche.

Al suo interno si trova anche il Palazzo del Lussemburgo nato come residenza di Maria de Medici e dal 1958 sede del Senato francese.

Di stampo barocco le sue sale vengono aperte al pubblico per godere di mostre temporanea di piano internazionale.

FONTAINE SAINT-MICHEL

Di grande impatto non appena si esce dalla metropolitana. Questa maestosa fontana, che occupa l’intera parete di un edificio, si trova all’incrocio tra Boulevard Saint-Michel e piazza Saint- André des Artes. Inaugurata nel 1860 faceva parte di quel piano di risanamento della città messo in atto da Haussmann. Le statue scolpite rappresentano l’arcangelo Michele in lotta contro il diavolo. Di minor impatto, ma non per questo meno importanti, sono le statue che raffigurano il Potere, la Giustizia, la Temperanza e la Prudenza.

RUE MOUFFETARD

La via più caratteristica ed affollata dell’intera città, amata dagli studenti parigini. E’ la via più antica di Parigi; veniva infatti usata già dai tempi dell’antica Roma. Il nome della strada, che nei secoli è stato storpiato in ogni modo possibile, sembra derivi dal monte che affianca la rue, la Montagne Sainte-Geneviève. La vera particolarità di rue Mouffetard è il suo mercatino. Ogni commerciante espone per strada la sua merce, con banconi che pullulano di cibi di ogni genere, principalmente frutta e verdura, anche se non mancano prodotti particolari e insoliti. Quotidianamente i commercianti locali permettono dunque la nascita di uno dei più antichi mercatini di Parigi, “La Mouffe”, come viene affettuosamente chiamato.

Il quartiere offre inoltre un ventaglio di offerte gastronomiche per tutti palati e tutte le tasche. Segnatevi questi indirizzi:

Mariolina

I commenti sono chiusi.

  • Tutti gli articoli!