Sex(y) in the city

Parigi è la città dell’amore.

Parigi è la città delle luci.

Parigi è la città dell’atmosfera.

Parigi è la città del sesso. Capitale peccaminosa per antonomasia.

La bellezza di Parigi sta proprio nei suoi eccessi, specialmente quando si trova nella trasgressione.

Un po’ per tradizione, vista la sua storia, e un po’ perché i francesi adorano gli scandali erotici e vivono amore ed eros nello stato più libertino. Tutto questo rende la capitale della Francia la mecca del divertimento.

Vi porteremo in giro per Parigi, nei diversi quartieri e in alcuni dei locali più famosi che godono della nomea di essere “a luci rosse”.

PIGALLE

Per innocua curiosità o ricerca specifica di avventure piccanti. Sono queste le motivazioni che portano milioni di turisti, ma non solo, a visitare il quartiere a luci rosse di Pigalle, dove il mercato del sesso trova la sua casa.

A Pigalle si concentrano infatti teatri economici, brasserie promiscue, sexy shop con le più improbabili mercanzie, studi di fotografia erotica, negozi specializzati per prostitute e decine di locali e club dove vengono messi in scena spettacoli ad alto tasso erotico.

MOULIN ROUGE

Ovviamente il più conosciuto ed importante cabaret di Parigi ma anche di tutto il mondo. Simbolo di un’epoca, quella delle Belle Époque, che ha fatto sognare ed innamorare milioni di spettatori.

L’atmosfera che si vive all’interno della sala è quella di una continua festa. Non importa quello che succede fuori; all’interno del Moulin Rouge l’importante è divertirsi e rifarsi gli occhi!

Considerato il luogo di nascita spirituale del can-can. Originariamente introdotto come danza seduttiva utilizzata dalle cortigiane che qui si trovavano per intrattenere i clienti, il can-can divenne una vera e propria forma di spettacolo.

MONTPARNASSE

All’ombra della sua torre è stato aperto negli ultimi anni un nuovo e particolarissimo bordello. Una vera a propria sala del piacere dove si può far sesso senza freni e senza infrangere la legge.

Le “ragazze” che si trovano all’interno dello Xdells hanno seni monumentali, fianchi prosperosi, gambe lunghissime e sguardi compiacenti.

Si tratta di bambole intelligenti capaci di soddisfare ogni esigenza, anche la più perversa, dei propri clienti (per una cifra di 90 euro l’ora).

Le stanze dove vengono consumati questi peccaminosi attimi sono dotate di maxi schermo dove vengono passati no stop film porno e un comodino con dei preservativi, obbligatori (?!?!?) durante i rapporti.

Per soddisfare anche le esigenze femminili, sempre più pressanti, sono stati pensati anche dei bambolotti maschili.

RAIDD BAR

Rispetto ai tanti bar gay o gay-club della città, il Raidd non si accontenta di essere solo un luogo di rimorchio. Tra un brindisi e l’altro tutte le sere un giovane uomo bello – anzi bellissimo – si esibisce in una doccia sensuale sotto lo sguardo accaldato di numerosi uomini (e non solo!!!).

Lo protegge solo una cabina di vetro. Solo il sesso, ovviamente virile, è ben coperto.

Per chi poi non ne avesse abbastanza può concludere la serata facendo tappa nelle toilette del seminterrato!  Curiosi di sapere il perché?

CRAZY HORSE

Da sempre definito il “Gotha del culo perfetto”, è un posto davvero magico. Un cabaret a metà tra il decadente e l’avanguardia pura. Le Crazy è situato tra la centralissima e blasonata Avenue George V e le rive della Senna. Qui potete sprofondare nelle morbidissime poltroncine rosse e lasciarvi andare a qualche indulgenza. Ballerine bellissime, musiche e danze sensuali e perché no, qualche bicchiere di champagne.

È il cabaret meno frequentato dai turisti. Si trova più un pubblico locale, ma comunque sempre di un certo livello.

SECRET SQUARE

Atmosfera da boudoir con luci basse e soffuse, velluti, piume e un tempo che sembra essere sospeso.

Famoso per i suoi spettacoli di burlesque, offre anche un menù – a detta dei palati più raffinati della città- afrodisiaco e piccante almeno quanto lo sguardo delle ballerine.

Mai volgare crea un’atmosfera coinvolgente se si vuole passare una serata in compagnia di amici ma anche della propria compagna. Sempre ben frequentato.

QUEEN CLUB

Prenotazione anticipata è la parola d’ordine. Locale ultra chic e ben frequentato dalla Parigi bene. È stato uno dei locali gay più conosciuti di tutta la città ed è posizionato esattamente sugli Champs Elysées. Dalla sua apertura nel 1991 ha visto esibirsi una serie di dj famosi tra cui anche David Guetta che ne fu direttore artistico dal 1993 al 95. Oggi uno dei club più esclusivi dove poter passare una serata divertente e senza pensieri.

RUE SAINT DENIS

Qui le belle-de-jour si trovano appoggiate a numerosi locali di questo quartiere popolare e vivace, tra un caffè e una chiesa. È da molti considerata il cuore pulsante della prostituzione, qualche volta illegale, della capitale. Rue Saint Denis è una delle vie più antiche di tutta Parigi che nel corso della sua lunga storia ha mutato notevolmente identità. Meno frequentata rispetto alla più turistica zona di Pigalle, offre moltissimi locali a luci rosse, sexy shop. Una delle particolarità rimasta intatta, sono le prostitute, ormai non più giovanissime che approcciano i clienti fuori dalle loro abitazioni.

MAISON SOUQUET

Se dopo questo rocambolesco tour nella Parigi a luci rosse vi sentite stanchi, non potete che soggiornare qui. La Maison Souquet è quella che una volta veniva considerata una “casa del piacere”. Oggi invece è un luxury hotel, il più piccolo cinque stelle di Parigi, curato nei minimo dettagli per far calare i propri ospiti in un bordello di inizio Novecento. Ogni camera porta il nome di una cortigiana della Belle Époque e ogni esperienza proposta vi farà rivivere i vizi e i piacere dell’epoca.  

DIVERTIMENTO … MA ATTENZIONE!

Vorrei sottolineare che il divertimento a “luci rosse” descritto in questo articolo riporta locali e quartieri in cui tutto si svolge nel massimo rispetto della legalità e delle regole. Esistono poi, come per molte altre grandi città del mondo, quartieri e luoghi che offrono sì svago, ma che sono considerati pericolosi per chi li frequenta ma anche per chi ci lavora.

Per Parigi è il caso di Bois de Boulogne; grande polmone verde della città ma anche il luogo più controverso ed enigmatico di tutta la città. Di giorno è un luogo frequentato prettamente da famiglie o da persone che praticano sport. Di notte invece è un luogo storico della prostituzione conosciuto da tutti i parigini.

La maggior parte della prostitute che lavorano sono transessuali e spesso vendono i loro servizi in tende posizionate nel bel mezzo del parco o nel retro delle proprie auto o furgoni.

Purtroppo la situazione degli ultimi anni è andata sempre peggiorando con l’aggravante della criminalità legata allo spaccio di stupefacenti ma anche all’assassinio di alcune prostitute.

Raccomandiamo quindi di scegliere sempre con cura luoghi, locali e quartieri dove passare il proprio tempo libero. È giusto venire a Parigi per provare nuove esperienze, ma facciamo sempre attenzione!

Mariolina

I commenti sono chiusi.

  • Tutti gli articoli!