IL BERRETTO A SONAGLI al Teatro Manzoni di Milano

Dal 10 Ottobre 2019 al 27 Ottobre 2019

con Gianfranco Jannuzzo, Emanuela Muni
adattamento e Regia francesco Bellomo

Il 10 ottobre ha debuttato sulla scena del Teatro Manzoni di Milano la  versione del “Berretto a sonagli” di Pirandello,con adattamento e regia di Francesco Bellomo e, come interprete principale, Gianfranco Jannuzzo.

La commedia di Pirandello, ambientata in questa versione nella Sicilia del secondo dopoguerra, si costruisce sull‘interazione dei due personaggi principali, accomunati dal tradimento da parte del coniuge: Ciampa (ragioniere a servizio del cavalier Fiorica)  e Beatrice, moglie di quest’ultimo.

La reazione dei due alla stessa situazione è antitetica: la donna vuole cogliere in flagrante il marito e l’amante, suscitare uno scandalo e poter così lasciare il marito senza  essere mal  giudicata dalla società; Ciampa, al contrario, pur sapendo da tempo della tresca fra sua moglie e il Cavaliere, accetta e vuole tenere tutto nascosto, sia per non  perdere la compagnia della giovane moglie, sia soprattutto perché non vuole  essere giudicato un cornuto da tutto il paese.

Lo svolgimento della trama conduce a situazioni non previste e, mediante la regia di Bellomo, suscita momenti di ilarità, trasformando quasi  in una  macchietta alcuni personaggi (in particolare la madre di Beatrice e il commissario Spanò).

Ciò che risulta  più interessante è ritrovare alcuni temi tipici dell’opera pirandelliana, in particolare l’idea che ognuno di noi costruisce la sua identità non tanto grazie alla  conoscenza di sé stesso, quanto in base all’opinione che gli altri hanno di lui, cosa che sviluppa nell’individuo un’estrema importanza data al giudizio degli altri.

Altro tema tipico di Pirandello è quello della pazzia, intesa come l’unico modo, accettabile dalla società cosiddetta civile, che ha l’individuo per dire la verità.

Molto bravi gli interpreti, sui quali spicca Jannuzzo con la capacità di passare dai toni seri a quelli più drammatici senza mai perdere di credibilità, interpretando un personaggio non facile , già magistralmente portato in scena da Eduardo.

 

Adriana

I commenti sono chiusi.