Una fotografa a Parigi: Anna Di Prospero

 

 

La fotografia e l’architettura si incontrano a Parigi!

Dal 5 febbraio al 12 marzo 2016, la Galerie Madé presenta nel cuore di Saint-Germain-des-Prés tredici lavori della fotografa Anna Di Prospero. Gli scatti fanno parte del progetto Urban self-portrait, iniziato nel 2010 e realizzato in giro per il mondo utilizzando la tecnica dell’autoritratto: tra le città Parigi e Milano, ma anche New York, Madrid, Berlino e molte altre.

Quando l’autoritratto va oltre il selfie

In questa serie, la giovane artista di Latina crea un’armonia assoluta, in cui architettura urbana e corpo umano sembrano diventare elementi inscindibili che si valorizzano a vicenda. Anna instaura una vera e propria relazione tra il suo corpo e lo spazio urbano circostante, ottenendo un’interazione perfettamente simbiotica e naturale con un “semplice” autoscatto: “Prima di recarmi sul luogo, studio attentamente l’opera architettonica attraverso le immagini che trovo in rete” spiega Anna. “Questo mi permette di previsualizzare l’immagine fotografica e la posizione del corpo in relazione all’edificio. Una volta arrivata sul luogo, posiziono la macchina su cavalletto e cerco di mettere in pratica quanto studiato.”

Geometrie contemporanee

Ispirato prevalentemente dall’architettura contemporanea, questo progetto nasce dalla necessità di comprendere e relazionarsi con il presente. Si tratta di una relazione quasi metafisica, che trascende la sfera personale dell’artista; Anna, infatti, non ama definirsi protagonista delle sue foto ma utilizza il proprio corpo per creare un’armonia superiore tra l’essere umano e lo spazio architettonico, tra interiorità ed esteriorità: “Utilizzo il mio corpo perché mi risulta più semplice e naturale, amo lavorare in totale indipendenza e autonomia. Tuttavia, quando osservo le mie foto non rivedo me stessa, ma una figura femminile che interpreta tante donne. Per questo copro spesso il mio volto, per non collegare la mia identità a quella delle donne ritratte nelle mie foto.”

 

Un progetto internazionale

 

Anna ha iniziato a lavorare sulle serie di autoritratti urbani già nel 2009, tra le architetture della sua città natale: Latina. Con il progetto Urban self-portrait, il suo lavoro assume definitivamente una dimensione internazionale, con scatti che la ritraggono tra le opere architettoniche di New York, Madrid, Oslo, Düsseldorf, Basilea, Berlino, Bilbao, Valencia, Copenaghen e Porto.

Un posto speciale è sicuramente riservato alla Francia, in cui Anna ha svolto la maggior parte dei suoi progetti espositivi e lavorativi degli ultimi anni: “Sono molto legata alla Francia, in particolare a Parigi, dove sono rappresentata dalla Galerie Madé.”

Nel 2014, Anna è stata inoltre selezionata per un soggiorno presso la residenza Percolateur, che ogni anno accoglie un fotografo di un paese dell’area del Mediterraneo per realizzare un progetto di un mese sulla città di Marsiglia.

 

 

 

Urban self-portrait di Anna Di Prospero

  • Quando: fino al 12 marzo
  • Dove: Galerie Madé – 30 rue Mazarine, 75006 Paris
  • Sito dell’artista: Anna Di Prospero

 

Susanna

Annunci

I commenti sono chiusi.