La stagione 2017/18 del Teatro Carcano di Milano

Il 7 giugno 2017 al Teatro Carcano di Milano è stata presentata la nuova stagione  2017/18.

Dopo un inizio a sorpresa con un balletto danzato dalla compagnia Kataklò  e dalla bravissima Sabrina Brazzo, si sono presentati al proscenio i direttori artistici del Carcano, Sergio Fantoni e Fioravante Cozzaglio che hanno introdotto l’evento ricordando come il Teatro Carcano, nato nel 1803, sia una “casa” aperta da duecentoquattordici anni , sempre presente nel cuore dei milanesi; lo slogan scelto per la nuova stagione “Una casa chiamata teatro” esprime infatti il desiderio di rendere il Carcano sempre più legato alle abitudini quotidiane dei cittadini, un luogo non solo di spettacolo, ma di incontro, di scambio, di opportunità , contrapposto idealmente “ alla piazza mediatica dove tutti siamo presenti ma dove i protagonisti e gli altri sono lontani e inafferrabili” .

La scelta di aprire questo evento con un balletto moderno è stata motivata dallo spazio che il Carcano intende dare, nella prossima stagione, alle compagnie di danza contemporanea, italiane e straniere, le cui esibizioni si alterneranno con spettacoli di prosa,classici o contemporanei, operette, spettacoli per bambini, cicli di conferenze…

Si è infine riaperto il sipario per mostrarci, seduti in semicerchio quasi per abbracciare il pubblico attento e partecipe, la maggior parte dei protagonisti degli spettacoli della nuova stagione, da Moni Ovadia a Marina Massironi, da Andrea Volpintesta a Giulia Staccioli, da Sabrina Impacciatore a Philippe Daverio ( solo per citarne alcuni). Ciascuno ha presentato il proprio spettacolo sottolineandone gli aspetti innovativi o rivelando ciò che maggiormente lo aveva coinvolto al momento della decisione di portarlo in scena.

La programmazione della stagione 2017/2018 può essere suddivisa in alcuni ambiti:

– prosa, con alcuni classici (Molière, Shakespeare, Goldoni,…) e con diverse opere contemporanee

– danza e musical

– teatro per bambini

-V.I.P. , cioè “venite in periferia” ( uno spettacolo  nella sede del Teatro Martinitt)

– ex novo (piccola rassegna di un teatro diverso), comprendente quattro conferenze-spettacolo di Philippe Daverio, il Teatroinmatematica,uno spettacolo di danza acrobatica della compagnia Kataklò e varie altre produzioni tutte impostate in modo molto   originale.

Il pubblico numerosissimo ha seguito con evidente interesse tutta la presentazione dando la sensazione che le parole dell’assessore alla cultura, Filippo  Del Corno, intervenuto all’incontro, non siano retoriche : “Il Carcano ha fatto e continua a fare la storia della città, svolgendo la funzione pubblica di diffondere il linguaggio della danza, della musica, della prosa grazie alla multidisciplinarietà delle offerte.”

 

(Il programma completo della nuova stagione è consultabile nel sito del Teatro   )

La mamma di una milanese a Parigi

Annunci

I commenti sono chiusi.