Transhumance di Design for Peace

Creatività e solidarietà senza confini

Da Parigi a Ouagadougou, dalla Francia al Burkina Faso. Una residenza artistica di 50 giorni, 17 artigiani locali e 6 laureati delle migliori scuole d’arte parigine per proporre una visione inedita della moda e del design. Perché chi l’ha detto che a dettare legge debbano essere necessariamente i grandi creatori e le multinazionali? O che il mondo globalizzato non possa diventare sinonimo di scambio interculturale invece che di sfruttamento?

Design for Peace è un progetto che intende restituire al processo creativo una dimensione umana, artigianale e culturale, facendo emergere una nuova estetica equosolidale.

Un ponte tra la capitale della moda e la capitale del Burkina Faso, che dal 2012 accoglie il maggior numero dei rifugiati in fuga dalla guerra in Mali. Tra questi, moltissimi artigiani (tra cui un’alta percentuale di donne) che, costretti all’esilio e alla precarietà, non dispongono dei fondi necessari per acquistare le materie prime, finanziare il processo di produzione e accedere ai circuiti di distribuzione. In questo contesto, il progetto Design for Peace si propone di instaurare una collaborazione fra creatori francesi e artigiani locali. L’obiettivo?

Sperimentare nuove tecniche e creare tendenze inedite, favorendo al tempo stesso l’integrazione dei rifugiati e permettendo loro di accedere ai mercati regionali e internazionali. Sul lungo termine, lo scopo è inoltre rafforzare l’autonomia degli artigiani locali, fornendo loro gli strumenti e i mezzi economici necessari, valorizzandone il talento e migliorandone la qualità di vita grazie al lavoro e al consolidamento delle loro competenze.

 

Il primo frutto di questo è progetto è la collezione Transhumance, presentata dal 20 maggio al 23 luglio 2016 presso la galleria Made in Town a Parigi e dal 4 giugno al 23 luglio presso l’istituto di cultura francese di Ouagadougou, in Burkina Faso.

Il risultato è straordinario: una collezione innovativa e multiculturale, frutto di sperimentazioni, nuove tecniche e molteplici savoir-faire, il tutto nel pieno rispetto delle esigenze e degli standard del mercato internazionale.

Gli articoli realizzati nell’ambito della residenza artistica possono essere acquistati tramite una campagna di crowdfunding; i fondi ricavati saranno destinati al finanziamento delle fasi successive del progetto, ossia programmi di formazione per gli artigiani (tecniche applicate, finiture, ecc.), il miglioramento dei processi di produzione e la creazione di atelier e botteghe per la lavorazione della pelle, del metallo e dei tessuti. Perché partecipare al progetto?

Al di là della causa solidale, fate un giro alla galleria Made in Town: se amate essere originali e sempre fuori dal coro, non potrete resistere!

img3

Transhumance di Design for Peace

  • Quando: fino al 23 luglio 2016
  • Dove: Galerie Made in Town – 58 rue du Vertbois, 75003 Paris
  • Sito internet: made in town

Susanna

 

PER RICEVERE DIRETTAMENTE VIA EMAIL LE NOSTRE IDEE PER LE VOSTRE GIORNATE A PARIGI:

Annunci

I commenti sono chiusi.