tip tap a Saint Michel

Si sono sistemati li’, sotto la fontana, padre e figlio.

E tu che distrattamente gli stai passando accanto, diretta all’Odeon, non puoi impedirti di rallentare il passo, il tuo sguardo é stato attirato sino a loro da una melodia jazz.

Ti fermi, ti fai spazio tra la piccola folla di turisti e passanti che li attornia e lo spettacolo ha inizio…

Hanno trent’anni di differenza e lo stesso stile: beretto, bretelle, bastone, camicia bianca con le maniche arrotolate, che contrasta dolcemente con il colore scuro della loro pelle,  e scarpe magiche.

Si alternano, sorridendo, danzando e roteando su un’asse di legno.

Il bambino non ha più di 9 anni, e guardarlo ballare tenendo il ritmo dei colpi leggeri e precisi dei suoi tacchi é un momento di straordinario fascino. I suoi occhi riflettono l’allegria e l’orgoglio di danzare sotto gli occhi estasiati del piccolo pubblico, ma soprattutto di suo padre.

Lui, il papà, lascia che i propri passi raccontino a suon di musica la storia di questo ballo, nato nei sobborghi americani, dall’unione tra la cultura irlandese e quella africana.

La complicità, la gioia e la naturalezza con cui si muovono mi lascia immaginare i pomeriggi trascorsi ad allenarsi ed a ripetere insieme, magari sotto lo sguardo intenerito della mamma e l’espressione compiaciuta della compagna di una vita.

Ed ogni altro modo di percorrere le strade di Parigi mi sembra ora talmente inappropriato…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...